grafico-requisiti

Importanti informazione per i cittadini proprietari di appartamenti (unità abitative):

Chi acquista od ha acquistato un appartamento e riscontra uno scarso isolamento acustico perché sente i vicini od il calpestio dall’appartamento soprastante, ha diritto ad un indennizzo per il mancato rispetto dei requisiti acustici dell’appartamento.

L’indennizzo è del 20-30% dell’importo d’acquisto!

Procedura:

La metodologia di misura è fissata in modo univoco e preciso dal D.P.C.M. 5/12/97 “Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici”, che fissa i valori numerici di isolamento acustico delle strutture murarie e di rumorosità degli impianti condominiali o del vicinato.

 

Il proprietario dell’appartamento deve, prima di tutto, incaricare un tecnico SPECIALISTA in acustica di effettuare una perizia per una verifica strumentale a norma di legge dei requisiti acustici passivi.

Il tecnico acustico deve essere scelto non sulla base della miglior offerta (prezzo più basso) ma sulla documentata professionalità, curriculum e disponibilità di tutta la strumentazione necessaria a norma di legge.

Questa scelta è fondamentale per la giusta assistenza tecnica e giuridica iniziale e nei passaggi successivi.

 

Se la perizia documenta che i requisiti acustici non sono rispettati, si può citare il costruttore con la richiesta di danni per non aver costruito l’unità abitativa secondo le “norme di buona tecnica” ed il mancato rispetto dei limiti fissati dal DPCM 5/12/97.

 

Queste cause sono molto veloci (12-24 mesi) e garantiscono una sicura vincita perché si basano sulla valutazione oggettiva strumentale di valori numerici d’isolamento acustico delle strutture murarie e dei solai e della rumorosità di impianti tecnici nell’edificio.

 

Sono misure tecniche univoche perché “rilievi strumentali” ripetibili ed uguali sia per il consulente di parte che per il consulente del tribunale; sono valori numerici che non possono essere messi in discussione dai legali delle parti: i valori di legge sono rispettati o NON sono rispettati e senza possibilità di discussione.

 

Purtroppo i cittadini non sono informati di questo loro diritto perché i “mass media”, giornali, radio e televisione, non dicono nulla sull’argomento, forse perché forti pressioni politiche dei costruttori mettono un veto sull’argomento a tutela della crisi dell’edilizia.

 

Ma i costruttori hanno l’obbligo di costruire secondo le norme di legge sia per rispettare i requisiti di isolamento termico che acustico dell’opera.

 

Per avere l’abitabilità di ogni unità abitativa il costruttore deve dichiarare od autocertificare alla Pubblica Amministrazione (Comune) che sono rispettati i requisiti di legge.

Purtroppo i requisiti acustici sono raramente rispettati ed i costruttori confidano sull’ignoranza dei compratori e l’incompetenza di  molti tecnici.

 

Ora i cittadini sono informati!

 

L’EuroAcustici rimane a disposizione per ogni chiarimento ed assistenza professionale.